Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Evento con persone, foto sfocata

Simone Pellegrini | Passato in giudicato

Museo di Palazzo Pretorio

Pubblicato il 7 luglio 2019
Museo di Palazzo Pretorio

Il Museo di Palazzo Pretorio è lieto di ospitare la prima mostra personale a Prato di Simone Pellegrini. L’esposizione si inserisce all’interno di Pretorio Studio, il dispositivo che dal 2016 apre all’interpretazione di artisti contemporanei il proprio stratificato patrimonio culturale, lungo un arco di tempo di oltre sette secoli.

Nonostante l’intensa attività espositiva del pittore bolognese, quello a Palazzo Pretorio rappresenta il suo primo intervento in un museo di arte antica e moderna. Gli esiti di questo intimo ed insolito rendez-vous culmineranno nella produzione di un nuovo grande lavoro, accompagnato in mostra dal coro di alcune selezionate opere precedenti realizzate dal 2012 al 2019, in risonanza formale e concettuale.

Dal 1996 l’opera di Simone Pellegrini evoca paesaggi arcaici, cosmogonie e cartografie che richiamano iconografie antiche, mistiche e pagane, in un movimento temporale dalle possibili origini demiurgiche al Medioevo. Il suo lavoro è uno scavo archeologico nella memoria collettiva e inconscia, talvolta riferito alla psicologia e alla psicanalisi, dalle teorie sulla sessualità di Freud agli archetipi di Jung. Il processo tecnico e produttivo sembra d’altronde rispettare leggi e rituali, dalla rigida e ricorrente grammatica triadica dei colori primari, alla scelta del monotipo (dal greco antico, unica impronta) matrice creata dall’artista per realizzare singoli brani della composizione, usata un’unica volta e poi distrutta: attribuendo dunque all’opera un carattere plurimo e ripetuto di unicità, irripetibilità e irriproducibilità. Questo tipo di immagini, come le iconostasi di Pavel Florenskij al “confine fra il mondo visibile e il mondo invisibile”, trovano finalmente spazio in questo tempo attraverso il loro anacronismo.

La ricerca dell’origine, come suggerisce Walter Benjamin, non conduce mai alla genesi, ma a "ciò che scaturisce dal divenire e dal trapassare, come restaurazione, come ripristino da un lato e dall’altro, e proprio per questo, come qualcosa di imperfetto e inconchiuso”.

Nella ricchezza e mutevolezza delle sue rappresentazioni antiche, allegoriche e sacre, la collezione del museo sembra dunque celare e sollecitare questo tipo di lettura. In particolare, il titolo si riferisce ad uno dei suoi affreschi più enigmatici: una parete di segni indecifrabili probabilmente risalenti al XIV secolo, tracciati dagli imputati in attesa di ricevere la sentenza del Pretore. In diritto, l’espressione “in giudicato” significa “definitivo” ma se pronunciata, sembra alludere a ciò che in realtà è ancora passibile di giudizio e discussione, evocando l’ambivalenza di una lettura rigida o “inconchiusa” del passato.

La mostra, installata nella prima sala al piano terra in cui inizia e termina il percorso espositivo del Pretorio, con il suo denso immaginario sottinteso, anticipa e completa la visione.

A cura di Veronica Caciolli.

Ingresso libero 

 

Museo di Palazzo Pretorio

Simone Pellegrini. Passato in giudicato

11 luglio - 8 settembre 2019

Vernissage: mercoledì 10 Luglio 2019, ore 19

Seguirà cocktail in cortile

 

Simone Pellegrini. Biografia

Nato ad Ancona nel 1972. Vive e lavora a Bologna, dove insegna Pittura all’Accademia di Belle Arti e dove ha sede il suo studio. La sua carriera d'artista ha inizio nel 1996 durante gli anni di formazione all'Accademia di Belle Arti di Urbino, dove si diploma nel 2000. Dal 2003 con la personale "Rovi da far calce" inizia la sua collaborazione con la Galleria Cardelli & Fontana di Sarzana (SP), inaugurando una lunga stagione di successive mostre e fiere internazionali. Nel 2006 presenta la personale "Stille" presso la Galerie Hachmeister di Münster che diviene la sua prima galleria in Germania. Dal 2015 è inoltre rappresentato da Montoro12 Roma-Brussels e dal 2017 collabora con la James Freeman Gallery di Londra. 

Tra le sue mostre personali si ricordano: Sensorio Indiscreto, LabOratorio Degli Angeli, Bologna; Dishonesti corpi, Teatro San Leonardo, Bologna; Lacruna, Casa natale di Raffaello, Accademia Raffaello, Urbino; Magnitudo, Museo d'Arte Contemporanea di Lissone; Museo di Villa Wessel, Iserlohn, Germania; Agalmata, Museo Spallanzani e Galleria Bonioni Arte, Reggio Emilia. Tra i prossimi appuntamenti si ricorda la sua partecipazione alla mostra Grandi Formati presso il Gugging Museum di Vienna.

Le sue opere sono state acquisite da Bologna Fiere; dalla Collezione d'Arte UniCredit / Collezione Volker Feierabend, Francoforte sul Meno; dal MUSA, Civica raccolta del disegno di Salò; dal CCPL- Gruppo Industriale Cooperativo; da Palazzo Forti, Verona; dalla Collezione della Provincia di Reggio Emilia; e dai Musei Civici di Monza, Casa degli Umiliati.