Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Evento con persone, foto sfocata

Fine settimana di musica e storie a Palazzo Pretorio

Pubblicato il 2 febbraio 2017

Un doppio appuntamento con le opere di Palazzo Pretorio, diversamente protagoniste del fine settimana. Sabato 4 febbraio (ore 16) la conservatrice Rita Iacopino condurrà gli ospiti in un racconto ricco di fascino sulla nascita, e le trasformazioni nel tempo, delle collezioni del museo. Un viaggio attraverso la storia e le memorie della città che narra il percorso dalle opere, la loro provenienza e l’ingresso nella raccolta permanente del Pretorio. Una collezione di pregio che ruota intorno ad autori come Bernardo Daddi, Giovanni da Milano, Donatello e Filippo Lippi, i pratesi Filippino Lippi e Lorenzo Bartolini ma anche autori contemporanee e che si fregia di donazioni importanti. L’iniziativa Un museo per la città, nei locali dell’ex Monte dei Pegni, è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Domenica 5 febbraio l’appuntamento è con Anchise sulle spalle di Enea una performance musicale ispirata all’opera di Jacques Lipchitz Madre e figlio, con Monica Demuru e Luca Tilli. Doppio spettacolo, alle 17.30 e in replica alle 18.30, per l’iniziativa promossa dal Museo in collaborazione con Metastasio Jazz e Camerata strumentale "Città di Prato". In occasione della rappresentazione (alle 17 e alle 18) sono inoltre in programma due visite guidate alle opere della collezione di Lipchitz ospitate al terzo piano.  

La performance nasce dall’incontro tra l’opera di Lipchitz, una drammatica denuncia contro gli orrori della seconda guerra mondiale, la musica e la sollevazione come gesto di disperazione e rivolta. Le parole e il canto di Monica Demuru e il violoncello di Luca Tilli stimolati dall’opera dell’artista lituano dialogano con l’arte per riaffermare la forza etica che essa sa risvegliare. Ad accompagnare la rappresentazione le musiche di B. Britten, L. Berio, J. S. Bach e S. Lacy insieme alle parole del filosofo francese George Didi-Huberman e l'Eneide di Virgilio.

Prenotazione obbligatoria, fino a esaurimento posti, con pagamento del biglietto di ingresso secondo tariffario. Informazioni 0574 193 4996.

Sempre nel fine settimana, dalle 15 alle 17, è possibile accedere alla terrazza panoramica che sovrasta i tetti della città e dalla quale si può ammirare un fantastico panorama.