Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Evento con persone, foto sfocata

È rientrata l’Annunciazione di Filippo Lippi

Pubblicato il 22 luglio 2017

Grande successo negli Stati Uniti per l’opera di Filippo Lippi “Annunciazione con San Giuliano”, nei quattro mesi di esposizione il dipinto è stato apprezzato da oltre 260mila visitatori. L’opera, che fa parte della collezione permanente, è da oggi nuovamente in mostra al Pretorio e sarà possibile ammirarla nel grande salone al primo piano dedicato all’arte del Quattrocento. 

La tavola è stata fra i protagonisti della mostra “Botticelli e la ricerca del divino” ed è stata esposta prima al Museum of Muscarelle di Williamsburg in Virginia e successivamente al Museum of Fine arts di Boston. Nell’allestimento che ha reso omaggio al grande pittore del Rinascimento italiano una intera sezione era dedicata a Filippo Lippi, maestro di Botticelli, che a Prato lavorò molto gettando le basi per un radicale rinnovamento dell'arte italiana.  

Un prestito che racconta il prestigio e il valore della collezione pratese, le cui opere sono richieste a rappresentare il patrimonio artistico in eventi di respiro internazionale. Francia, Giappone, Stati Uniti sono alcune delle mete di destinazione degli ultimi anni. 

 “Annunciazione, con san Giuliano” è una tempera su tavola dipinta da Lippi a cavallo fra il 1460 e il 1465, si tratta di una piccola tavoletta da devozione privata caratterizzata da una articolata impaginazione prospettica dell’ambiente, prototipo di una fortunata composizione più volte replicata nella Bottega del Maestro. La scena, quieta e raccolta, dai colori tenui verdi e rosati mostra le figure della Madonna e dell’arcangelo Gabriele al quale è affiancato san Giuliano con la spada da cavaliere.

Il Museo di Palazzo Pretorio è aperto tutti i giorni, martedì escluso, dalle 10.30 alle 18.30 (la biglietteria chiude alle 18). Insieme ai tre piani che ospitano la collezione permanente è possibile salire in terrazza e ammirare dall’alto un suggestivo panorama della città.