Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Mostra

Soggetto nomade. Identità femminile attraverso gli scatti di cinque fotografe italiane. 1965-1985

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Dal 14 dicembre 2018 al 08 marzo 2019

Paola Agosti, Letizia Battaglia, Lisetta Carmi, Elisabetta Catalano, Marialba Russo

a cura di Cristiana Perrella e Elena Magini

 

Soggetto nomade raccoglie per la prima volta in una mostra gli scatti di cinque fotografe italiane realizzati tra la metà degli anni Sessanta e gli anni Ottanta, restituendo da angolazioni diverse il modo in cui la soggettività femminile è vissuta, rappresentata, interpretata in un periodo di grande cambiamento sociale per l’Italia.

Anni di transizione dalla radicalità politica all'edonismo, anni di piombo ma anche anni di grande partecipazione e conquiste civili, dovute principalmente proprio alle donne, e alle battaglie femministe.

 

Una riflessione sull'identità e sulla sua rappresentazione che prende le mosse dagli straordinariritratti dei travestiti di Genova di Lisetta Carmi (Genova, 1924), dove la femminilità è un’aspirazione, e si declina attraverso le immagini di attrici, scrittrici e artiste di Elisabetta Catalano (Roma, 1941-2015), gli scatti sul movimento femminista di Paola Agosti (Torino, 1947),le donne e le bambine di una Sicilia sfigurata dalla mafia di Letizia Battaglia (Palermo, 1935) e infine gli uomini che per un giorno assumono l’identità femminile nel carnevale di piccoli centri della Campania esplorati da Marialba Russo (Napoli, 1947).

 

Quando

14 dicembre 2018 - 8 marzo 2019

 

Opening

13 dicembre, ore 18.30

per l'occasione il Centro Pecci resterà aperto fino alle 21.00

 

Immagine di copertina: Lisetta Carmi I Travestiti, La Gilda, 1965-1971

©Lisetta Carmi 

Courtesy Galleria Martini & Ronchetti