Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Mostra

Second Summer of Love

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Dal 06 novembre 2018 al 25 novembre 2018

Dal 6 al 25 novembre il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci proietterà in anteprima italiana la rassegna Second Summer of Love, commissionata e prodotta da Gucci e Frieze

Martedì 6 novembre alle ore 19.00 Cristiana Perrella, direttrice del Centro Pecci, introdurrà la rassegna dei film.

Second Summer of Love è una serie di film d’artista che richiamano un altro trentennale che ricorre quest'anno: nel 1988  infatti la musica elettronica e la cultura giovanile esplodono nel Regno Unito, per espandersi subito dopo in Europa e negli Stati Uniti. Le radici dell’acid house e la scena rave – il modo in cui hanno rivoluzionato lo stile di vita dei giovani e hanno avuto un impatto duraturo sulla cultura contemporanea, comparabile a quello della controcultura degli anni ’60 – rappresentano l’ispirazione dell’opera di Jeremy Deller, mentre gli scenari che hanno preceduto e influenzato la cultura rave ispirano le opere di Wu Tsang e Josh Blaaberg. Recentemente Jenn Nkiru si è aggiunta ai tre artisti per creare il quarto film della serie. Il video, che racconta la cultura techno di Detroit e Berlino, verrà presentato in anteprima a Frieze Los Angeles a febbraio 2019.

Trent’anni dopo la Second Summer of Love del 1988, l’influenza del movimento radicale giovanile che esplose intorno alla musica acid house è ben visibile in quasi ogni aspetto della cultura contemporanea. Dai night club LGBT a New York, ai capannoni di Berlino e ai rave illegali organizzati nelle vicinanze dell’autostrada M25 che circonda la capitale britannica, l’acid house ha fatto da colonna sonora al frenetico smantellamento delle vecchie certezze, e alla costituzione di un nuovo ordine sociale.

La sua eco riverbera in ogni angolo della musica contemporanea, dai successi della musica popolare contemporanea alle tendenze più sperimentali. Allo stesso modo, la sua influenza può essere rilevata in ogni aspetto della cultura visuale contemporanea, dallo street style alle sfilate di moda, e nella vita e nell'opera degli artisti contemporanei.

  

Programma delle proiezioni

6 – 11 novembre: Wu Tsang 

Into a Space of Love (25'33"), 2018 

 

13 – 18 novembre: Josh Blaaberg

Distant Planet: The Six Chapters of Simona (28'44"), 2018

 

20 – 25 novembre: Jeremy Deller

Everybody in The Place: An Incomplete History of Britain 1984-1992 (61'35"), 2018

 

 

Second Summer of Love