Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookie modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie. Accetto

Mostra

Eva Marisaldi per la 15° Giornata del Contemporaneo

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Dal 12 ottobre 2019 al 08 dicembre 2019

a cura di Marta Papini

In occasione della mostra diffusa dedicata a Eva Marisaldi (Bologna, 1966) per la Quindicesima Giornata del Contemporaneo e promossa da AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiani), il Centro Pecci ospiterà l’opera Untitled, 1999 che sarà esposta fino all’8 dicembre 2019 in dialogo con altre due opere dell’artista, offrendo al visitatore la possibilità di conoscere e approfondire la ricerca dell’artista italiana.

 

Il lavoro di Eva Marisaldi ha il suo centro nella relazione con l’altro, intesa come opposizione e antidoto alla diffidenza. Lo sguardo inclusivo dell’artista ha un tocco lieve ma profondamente trasformativo, che accoglie la realtà e la innalza a atto poetico. Ogni sua opera è un gesto di attenzione verso il mondo circostante, un atto di cura per una materia sensibile, l’essere umano e la sua fragilità, e insieme un invito a aprirsi all’ignoto e all’ignorato. Una ricerca che diventa sempre più attuale nella realtà contemporanea.

L’opera presentata per la Giornata del ContemporaneoUntitled, 1999, consiste in un’installazione che documenta una performance. Alcune prostitute nigeriane sono immortalate a Bologna sulla via Emilia mentre indossano dei vestiti disegnati personalmente dall'artista. L’azione di “cura” messa in atto da Marisaldi è un tentativo di trasfigurare in modo fiabesco la loro vita quotidiana, trasformando anche solo per pochi minuti la realtà. In mostra i vestiti utilizzati sono appesi su uno stendino che accompagna le sette fotografie che fanno da testimonianza visiva di quell’incontro.